Dichiarazione del gruppo del Consiglio di coordinamento “Christian Vision” sulla morte del prigioniero politico Vitold Ashurok nella colonia di Shklov.

Читать на русском Read in English

Vitold Ashurok, un credente cattolico e attivista della comunità cattolica di Lida, è morto il 21 maggio 2021 nella colonia correzionale IK-17 a Shklov, dove stava scontando una condanna a cinque anni. L’attivista è stato condannato il 18 gennaio 2021 dal giudice della regione di Lida, Maxim Filatov, ai sensi di due articoli del codice penale della Repubblica di Bielorussia, parte 1, art. 342 (“Organizzazione e preparazione di azioni che violano gravemente l’ordine pubblico, o partecipazione attiva ad essi”) e 364 (“Violenza o minaccia di violenza contro un dipendente degli organi di affari interni”). Su iniziativa del giudice, il processo si è svolto a porte chiuse a causa della presunta “minaccia alla sicurezza dello Stato”. Il 27 gennaio 2021, 11 organizzazioni bielorusse per i diritti umani hanno riconosciuto Ashurk come prigioniero politico.

Vitold Ashurok era un attivo credente cattolico, non indifferente all’illegalità e alla violenza in atto nel suo paese. Dall’agosto 2020 ha partecipato attivamente non solo a proteste politiche, ma anche ad azioni di lavoro spirituale – insieme ad altri fedeli ha pregato al rosario, ha partecipato al rito della novena pompeiana – questa è una preghiera al santo rosario che dura 54 giorni. La novena pompeiana è stata iniziata il 12 agosto da Irene Bernatskaya, che ora è anche detenuta nell’ambito della persecuzione politica. La preghiera è stata eseguita sulla strada davanti alla chiesa Farny dell’Esaltazione della Santa Croce nella città di Lida. Quando il 31 agosto all’arcivescovo della Chiesa cattolica romana in Bielorussia Tadeusz Kondrusiewicz è stato negato l’ingresso nella Repubblica di Bielorussia, alla novena si sono aggiunte anche le richieste per il ritorno del metropolita in patria.

Dieci giorni fa, ci siamo addolorati per l’incendio che si è verificato nel Santuario Nazionale della Madre di Dio di Budslav. Questo incendio ha mobilitato un numero enorme di volontari e donatori e, grazie agli sforzi congiunti, i bielorussi saranno in grado di restaurare la chiesa. Ieri, con la morte di Vitold Ashurk, è stato distrutto un tempio vivente, che non può essere restaurato da nessuno sforzo umano.

Processi chiusi di prigionieri politici, che li privano del diritto a un processo equo; scadenze sproporzionatamente strette per partecipare a manifestazioni pacifiche ed esprimere la propria opinione, non condizionate dalla logica del diritto, ma dalla logica dell’intimidazione da parte di un regime autoritario illegale; condizioni degradanti di detenzione di prigionieri politici sia nei procedimenti amministrativi che penali; ha usato violenza e tortura; barriere all’accesso all’assistenza sanitaria; restrizioni nell’esercizio dei diritti umani e delle libertà fondamentali, compreso il diritto alla libertà di religione e credo, a cui sono soggetti coloro che sono perseguitati per aver espresso le loro opinioni e indignazione per la tirannia, la violenza e l’illegalità in Bielorussia, creano un’atmosfera di terrore e portano a tragedie e la morte di persone innocenti.

Chiediamo a tutti i credenti di pregare per il riposo dell’anima di Vitold Ashurk e ai non credenti di esprimere solidarietà con altre azioni simboliche. Invitiamo la comunità cristiana mondiale alla solidarietà con i credenti bielorussi che partecipano al movimento democratico pacifico, specialmente con coloro che sono in prigione. Chiediamo alla leadership della Chiesa cattolica di compiere ogni possibile sforzo diplomatico in modo che i prigionieri politici credenti possano avere l’opportunità di incontrare il clero, l’accesso alla stampa e alla letteratura religiosa, nonché il rilascio anticipato di persone innocenti. Chiediamo a tutte le chiese di alzare la voce contro il male, l’ingiustizia, la crudeltà e l’illegalità che stanno accadendo nelle carceri e in tutto il paese.

22 maggio 2021